Gli smalti

 

 

L'araldica nasce con le Crociate, come abbiamo detto, per l'esigenza di capire chi erano gli schieramenti che s'incontravano, soprattutto con l'avvento dell'elmo Pentolare e i suoi derivati. Si rece necessario escogitare un sistema per scoprire visivamente, senza far togliere l'elmo, chi era colui che si aveva di fronte. Utilissimo in battaglia ove in mancanza di riferimenti, si correva il rischio di incrociare le armi con cavalieri amici. Contemporaneamente alla nascita dei Blasoni ci fu il bisogno di codificare, in maniera inequivocabile, la composizione dell'arma. In principio si ricorse allo stratagemma di discegnare il blasone al tratto e mettere nei vari campi le iniziali del colore. Ben presto ci sirese conto che invece di semplificare la descrizione, la complicavano. Si arrivò alfine alla codificazione dell'Abate Silvestro Pietrasanta che codificò i vari smalti e colori con dei tratti nel suo libro “Tesserae gentilitiae” stampato nell’anno 1638. Tale metodo rimane ancora in vigore , qualora non sia possibile tratteggiare un'arma con il colore.

Di seguito rappresentiamo i colori e gli smalti principali.L'Araldica ha due metalli, cinque colori detti smalti, e due foderature. Il Giallo ed il Bianco sono due colori inesistenti in quanto confondibili con l'Oro e l'Argento. Per gli altri colori sono solo sfumature dei cinque principali ad eccezzione del "naturale".

 

I metalli sono l'oro e l'argento.

I cinque colori l'azzurro, il rosso, il verde, il porpora o pavonazzo, il nero. Per gl'inglesi c'è l'aggiunta dell'arancio; In Epoca più recente sono stati pure aggiunti il Ferro e l'Acciaio; colori che risultano poco usati.. Le due foderature sono l'armellino ed il vajo.


* L'Oro si descrive punteggiato; è simbolo del sole; rappresenta la forza, la costanza e la ricchezza.
* L'Argento si descrive tutto bianco; è simbolo della luna. Significa purezza, innocenza, castità, clemenza, concordia, vittoria. Il bianco, similmente al giallo, non è un colore araldico in quanto si può confondere con l'argento e pertanto si blasona con Argento
* L'Azzurro si rappresenta con linee orizzontali che vanno dalla destra alla sinistra. Indica il firmamento e l'aria; significa giustizia, lealtà, beltà, e buona reputazione. Nei Tornei era contrassegno di gelosia.
*Il Rosso si forma con linee verticali che vanno dall'alto in basso; esso rappresenta il fuoco, ed è simbolo del valore, della giustizia e dell'amor di Dio; nei tornei era segno di allegrezza. E il più nobile di tutti i colori.
* Il Verde viene formato da linee diagonali dall'angolo destro del capo all'angolo sinistro della punta, rappresenta la terra, molto raro nelle armi dove fu introdotto all'epoca delle crociate. Dimostra la vittoria, l'onore, la civiltà, la cortesia. Nei tornei fu contrassegno di speranza.
* Il Porpora o pavonazzo si forma da linee diagonali dall'angolo sinistro del capo, all'angolo destro della punta. Si attribuisce all'uso degli abiti di porpora che portavano certi funzionari della chiesa e di corte; rappresenta verecondia, fede, temperanza, nobiltà cospicua, ricchezza, liberalità, ricompensa d'onore.
* Il Nero viene rappresentato da linee verticali, ed orizzontali molto unite; è simbolo di fortezza e vittoria; significa prudenza, saggezza, costanza nelle avversità, dolore, tristezza, e umiltà.
* L'Arancio si rappresenta con l'incrociamento di linee verticali e diagonali; è un colore adottato dagl'inglesi, e significa buona riuscita, desiderio glorioso, e sicura speranza.

* Il Ferro si rappresenta con linee diagonali discendenti da destra a sinistra e viceversa

* L'Acciaio si rappresenta con lo sfondo bianco ricoperto da crocette.

Oro al tratteggio e colorato

Argento al tratteggio e colorato

Azzurro al tratteggio e colorato

Rosso al tratteggio e colorato

Verde tratteggio e colorato

Porpora tratteggio e colorato

Nero tratteggio e colorato

 

Arancio tratteggio e colorato

ferro tratteggio e colorato

 

Acciaio tratteggio e colorato